“Pucciami”, le pucce pugliesi invadono la Capitale

Pubblicato il 8 Mar 2014 da Simona Giacobbi

pucciami

Sono partiti dalla Puglia in cerca di fortuna. No, non hanno varcato i confini nazionali ma hanno cercato un modo per riscattarsi, un modo per uscire dalla crisi e l’hanno fatto a Roma dove hanno portato i sapori pugliesi e creando una piccola catena di locali dal nome inequivocabile, “Pucciami”.
In fatto di cibo i pugliesi non hanno nulla da imparare. I sapori sono genuini, i colori riempiono l’anima e gli occhi, i profumi rievocano ricordi lontani. Ed ecco che un gruppo di ragazzi tarantini ha avuto un’idea decisamente vincente. Quella di partire alla volta della Capitale e colonizzarla con un vero e proprio marchio pugliese, la puccia, un tipo di pane tondo tipico del Salentino.
Nel menù di “Pucciami” – tre i punti vendita nel cuore di Roma – tante le pucce che richiamano i nomi di località pugliesi. Alta la qualità delle materie prime, dal pane alla focaccia fino alla puccia con oltre cento tipi di farcitura. Interessante anche le birre e i vini made in Puglia.
“Abbiamo voluto portare a Roma una parte di Puglia – ha detto Anita Nuzzi – Pucce sì, ma anche pizze, focacce, hot dog, panzerotti. E poi le insalate. Avendo esaurito i nomi delle province pugliesi abbiamo voluto dedicarle alle vie di Taranto. Tra i nostri clienti
tanti pugliesi ma anche molti romani e turisti stranieri incuirisiti dai nostri prodotti. Chiedono cosa sono gli uccelletti, la ricotta forte e il cacioricotta. Si portano via un pezzo di Puglia. Ma la puccia non si può tradurre. La puccia è puccia in qualsiasi lingua”.

Giornalista professionista, laurea in lingue e letterature straniere e un master in Social Communication. Piacentina d’origine, pugliese d’adozione dal 2012, cresciuta a tortelli e gnocco fritto, impara a cucinare in Canada, a Toronto, dove ha vissuto sei anni e dove ha lavorato per il quotidiano italiano Corriere Canadese. Oltreoceano scopre una diversità culinaria etnica senza confini. Da allora la sua vita cambia. Cucina e ristoranti diventano luoghi interscambiabili di idee, progetti, tradizioni e passioni. Ama assaporare, provare, gustare. E fare foto. Conduce su Telenorba e TgNorba24 la trasmissione “I colori della nostra terra”, un programma che parla di ruralità, agroalimentare ed eccellenze enogastronomiche della Puglia. Inventrice della Pizza Pioggia servita, insieme alla Pizza Puglia Mon Amour, nel menu di una pizzeria di Cisternino, ha collaborato con I Love Italian Food e il Cucchiaio d’Argento ed è spesso chiamata a far parte di giurie di eventi a carattere enogastronomico e di concorsi legati al mondo della pizza. Recensisce pizzerie per guide cartacee e online. Nel 2011 crea Pasta Loves Me, un blog che parla di lei, di pasta, food e lifestyle. È fondatrice e responsabile di Puglia Mon Amour, un’avventura che vive con gli occhi curiosi di turista e l’entusiasmo di un’innamorata per una terra che regala ogni giorno emozioni, genuinità e solarità. Ha la pizza napoletana nel cuore e tutto quello che rende felice il suo palato. E vive con una certezza: la pizza non le spezzerà mai il cuore.

Like us on Facebook
on Facebook

Follow me on Twitter
Follow @simonagiacobbi on Twitter
Add me on Google+
on Google+