Foglie di ulivo con capocollo di Martina Franca e funghi cardoncelli su fonduta di caciocavallo reale

Pubblicato il 16 Apr 2014 da Simona Giacobbi

IMG_2994pma

Ingredienti per 2 persone

150 g di foglie d’ulivo agli spinaci
2 fette spesse di capocollo, in cubetti
4-5 funghi cardoncelli
olio extravergine d’oliva
1/2 cipolla tritata
80 g caciocavallo reale del Caseificio Pioggia
150 ml panna o latte
noce moscata
1/2 bicchiere di vino primitivo dolce (passito)
sale (per l’acqua della pasta)

Procedimento

Pulite i funghi con carta assorbente da cucina e risciacquateli velocemente sotto l’acqua corrente. Asciugateli e tagliateli a fettine. In una pentola larga fate soffriggere la cipolla, aggiungete i cubetti di capocollo, sfumate con 1/2 bicchiere di vino primitivo dolce. Aggiungete i funghi. Lasciate cuocere per 10 minuti e aggiungete il pepe. Non aggiungete il sale in quanto il capocollo è già molto saporito.
Nel frattempo fate bollire l’acqua. Salate e aggiungete le foglie d’ulivo. Scolatele 3 minuti prima della fine della cottura.
Preparate intanto un tegamino con acqua e fate bollire. A bagnomaria sciogliete nella panna il caciocavallo grattugiato o tagliato in cubetti piccolissimi. Aggiungete un pizzico di noce moscata in polvere.
Scolate la pasta e aggiungetela alla padella con il condimento. Lasciate cuocere altri 2-3 minuti.
Servite versando nel piatto fondo la fonduta di caciocavallo e aggiungete la pasta con il condimento. Innaffiata con un ottimo olio extravergine d’oliva pugliese.

Giornalista professionista, laurea in lingue e letterature straniere e un master in Social Communication. Piacentina d’origine, pugliese d’adozione dal 2012, cresciuta a tortelli e gnocco fritto, impara a cucinare in Canada, a Toronto, dove ha vissuto sei anni e dove ha lavorato per il quotidiano italiano Corriere Canadese. Oltreoceano scopre una diversità culinaria etnica senza confini. Da allora la sua vita cambia. Cucina e ristoranti diventano luoghi interscambiabili di idee, progetti, tradizioni e passioni. Ama assaporare, provare, gustare. E fare foto. Conduce su Telenorba e TgNorba24 la trasmissione “I colori della nostra terra”, un programma che parla di ruralità, agroalimentare ed eccellenze enogastronomiche della Puglia. Inventrice della Pizza Pioggia servita, insieme alla Pizza Puglia Mon Amour, nel menu di una pizzeria di Cisternino, ha collaborato con I Love Italian Food e il Cucchiaio d’Argento ed è spesso chiamata a far parte di giurie di eventi a carattere enogastronomico e di concorsi legati al mondo della pizza. Recensisce pizzerie per guide cartacee e online. Nel 2011 crea Pasta Loves Me, un blog che parla di lei, di pasta, food e lifestyle. È fondatrice e responsabile di Puglia Mon Amour, un’avventura che vive con gli occhi curiosi di turista e l’entusiasmo di un’innamorata per una terra che regala ogni giorno emozioni, genuinità e solarità. Ha la pizza napoletana nel cuore e tutto quello che rende felice il suo palato. E vive con una certezza: la pizza non le spezzerà mai il cuore.

Like us on Facebook
on Facebook

Follow me on Twitter
Follow @simonagiacobbi on Twitter
Add me on Google+
on Google+