Almo e il made in Puglia: “Porterò avanti la mia missione”

Pubblicato il 17 May 2014 da Simona Giacobbi

almo2pma

”Il territorio pugliese non ha nulla da invidiare alle altre regioni. Siamo noi a dover valorizzare i nostri prodotti. Io ho già cominciato a farlo dalla cucina di Masterchef”. E Almo Bibolotti, finalista del noto reality show, continua questa sua missione in Italia e in giro per il mondo. Ma cosa bolle in pentola? Puglia Mon Amour ha incontrato il 39enne di origine barese allo stand di Selezione Casillo e Agricola del Sole a Cibus, l’importante fiera enogastronomica che si è svolta a Parma dal 5 all’8 maggio.
“Sono ospite del grande Mimmo Casillo con cui sto sviluppando un progetto. Sono orgoglioso di rappresentare la Puglia. Selezione Casillo rappresenta un’eccellenza per le semole pugliesi”, dice Almo che durante il suo cooking show ha preparato per i visitatori della fiera un classico della cucina pugliese: orecchiette di grano arso con ricotta marzotica e rucola, “un piatto tipico che esalta i prodotti della nostra terra”.
La vita di Almo è decisamente cambiata. Una domanda che gli avranno posto sicuramente in tanti, ma doverosa dopo il grande successo di Masterchef. Federico e polemiche a parte, Almo ora pensa alla sua carriera e a portare alta la bandiera italiana e il made in Puglia anche all’estero. “Sto girando tanto – racconta – Sto facendo tutto quello che non ho fatto dopo aver aperto il mio dog hotel. Ora sono sempre in giro tra eventi e ospitate in ristoranti dove presento menu gourmet”.
All’orizzonte si stanno aprendo anche panorami internazionali. “Sono in programma esibizioni oltre i confini nazionali – ci confida – A breve sarò a Chicago, Tokyo e Beirut. Inoltre ci stiamo organizzando per gettare le basi su un discorso di ristorazione. Mi sono arrivate proposte concrete da Londra, Mumbai e Dubai. Insomma, un periodo ricco di impegni e soddisfazioni”.
E le soddisfazioni più grandi gli arrivano proprio dalla gente comune, da chi lo ha sempre sostenuto. “Sono entrato nel cuore di tutti gli italiani e di chi mi ha seguito. Non tanto come personaggio televisivo ma soprattutto come Almo. Almo è quello che è sempre stato. Continuo ad esserlo e sto con i piedi per terra – dice – Adoro stare con la gente e continuerò a farlo, tanto più con le persone che mi hanno sostenuto e seguito in questa lunga avventura”.
Ma a una persona che non è mai stata in Puglia che cosa consiglia di assaggiare Almo Bibolotti? “In Puglia si deve provare tutto, pesce, carne, formaggi, vini. C’è solo l’imbarazzo della scelta… Consiglierei di fermarsi più giorni per avere la possibilità di poter degustare più prodotti possibili”.

Giornalista professionista emiliana, fondatrice del sito PugliaMonAmour.it, laurea in lingue e master in Social Communication. Cresciuta a tortelli e gnocchi, impara a cucinare in Canada dove ha vissuto sei anni e dove ha lavorato per il Corriere Canadese. Amante e studiosa del barbecue, creatrice del food blog PastaLovesMe.com e delle Pizze Pioggia e Puglia Mon Amour inserite nel menu di una pizzeria di Cisternino, tra le più apprezzate, ama cucinare, raccontare, fotografare, organizzare eventi e... fare la pizza napoletana in casa. Fa parte dell'Associazione Le Donne del Vino Delegazione Puglia, è stata giudice in diversi concorsi enogastronomici e ha collaborato con il Cucchiaio d'Argento e I Love Italian Food. Conduce su Telenorba la trasmissione “I colori della nostra terra”, approfondimento settimanale sul territorio, turismo, agroalimentare ed enogastronomia.

Like us on Facebook
on Facebook

Follow me on Twitter
Follow @simonagiacobbi on Twitter
Add me on Google+
on Google+