Almo Bibolotti, chef per il convegno sulle terapie del dolore

Pubblicato il 11 Giu 2014 da Simona Giacobbi

almo2pmabisAlmo Bibolotti chef per il sociale. Il finalista dell’ultima edizione del talent culinario ‘Masterchef Italia’ ha infatti chiuso con una cena multisensoriale il convegno che si è tenuto a Trani sull’introduzione in Italia delle disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Almo ha mostrato come è possibile mangiare bene e come la corretta e sana alimentazione possa essere un modo per alleviare le sofferenze.
In Italia – è emerso durante il convegno ‘Al sissizio di giugno si parla di dolore’, giunto alla seconda edizione – c’è un inadeguato utilizzo di analgesici oppiacei a fronte di un uso maggiore dei farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans), in una situazione in cui il dolore cronico, ormai non più considerato sintomo ma malattia, colpisce più di un quarto della popolazione adulta. È un’emergenza medica, che coinvolge 12-15 milioni di persone e vede 1 persona su 4 affetta da dolore cronico; sanitaria essendo. una delle principali cause di consultazione medica (nonostante i pazienti non sappiano bene a chi rivolgersi nel 21% dei casi); sociale, essendo il dolore la seconda causa di assenza dal lavoro per ragioni mediche e inabilità.
Tra i dati evidenziati anche quelli dell’ultimo rapporto OsMed con i valori in termini economici, sociali e morali del dolore. “Stiamo portando avanti – ha spiegato Marco Spizzichino, direttore dell’Ufficio del Ministero della Salute per le cure palliative e la terapia del dolore – un’azione tra Ministero, Regioni ed associazioni lungo un percorso unitario e di civiltà. Un passo decisivo sarà dato dal ‘Patto per la Salute’, un documento ormai pronto in cui sono ben identificati gli aspetti della legge 38/2010 e quelli dell’umanizzazione delle cure. Altro passo decisivo si avrà con il semestre italiano di presidenza dell’Ue. In Italia ad oggi permane una diseguaglianza molto forte tra le regioni e si riscontrano realtà dove cure e terapie si sono sviluppate in modo omogeneo e positivamente ed altre in cui è stata spinta più una rispetto alle altre”.
La conferenza stampa è stata introdotta dall’attrice Carmela Vincenti che ha interpretato ‘Il dolore globale’ di Frida Kahlo, pittrice messicana morta nel 1957, vittima all’età di 18 anni di un grave incidente stradale che la costrinse a subire ben 32 operazioni chirurgiche e a stare a letto per molti anni.

Giornalista professionista emiliana, fondatrice del sito PugliaMonAmour.it, laurea in lingue e master in Social Communication. Cresciuta a tortelli e gnocchi, impara a cucinare in Canada dove ha vissuto sei anni e dove ha lavorato per il Corriere Canadese. Amante e studiosa del barbecue, creatrice del food blog PastaLovesMe.com e delle Pizze Pioggia e Puglia Mon Amour inserite nel menu di una pizzeria di Cisternino, tra le più apprezzate, ama cucinare, raccontare, fotografare, organizzare eventi e... fare la pizza napoletana in casa. Fa parte dell'Associazione Le Donne del Vino Delegazione Puglia, è stata giudice in diversi concorsi enogastronomici e ha collaborato con il Cucchiaio d'Argento e I Love Italian Food. Conduce su Telenorba la trasmissione “I colori della nostra terra”, approfondimento settimanale sul territorio, turismo, agroalimentare ed enogastronomia.

Like us on Facebook
on Facebook

Follow me on Twitter
Follow @simonagiacobbi on Twitter
Add me on Google+
on Google+