Al via la prima sagra della focaccia barese

Pubblicato il 3 Oct 2014 da Redazione

Screen shot 2014-10-02 at 6.18.36 PM

La focaccia barese sabato e domenica avrà la sua prima sagra, sul lungomare di Bari.
Il riconoscimento IGP non è ancora arrivato, malgrado gli sforzi del consorzio. Quello della gente invece sì, visto che ormai nei panifici si sente dire: c’è quella barese?
La focaccia, simbolo del buon mangiare all’ombra di San Nicola, avrà la sua sagra, in riva al mare, per la precisione in Piazza Armando Diaz, con uno stand riservato all’inseparabile birra e 17 riservati ai panificatori baresi. L’appuntamento è per sabato e domenica prossimi dalle 18 in poi.
Tanta focaccia, ma anche l’ironia di Ciardo Boccasile e Maretti e la musica dei rapper e dei Terraross. insomma quel mix tra gusto e suoni che rende riconoscibile la Puglia. Con buona pace degli snob che possono storcere il naso di fronte alle sagre.
“Mi piace sottolineare il carattere valoriale dell’iniziativa – ha detto l’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone, intervenuta alla conferenza stampa di presentazione – soprattutto perché la focaccia rappresenta un simbolo della baresità ed è una tradizione gastronomica di qualità da tutelare e diffondere”.
Pasquale Marsico, presidente di Assipanificatori Confcommercio, si è detto orgoglioso di portare in piazza questa iniziativa che promuove la focaccia, prodotto tipico dei panificatori baresi, nato 80 anni fa con tre semplici ingredienti: farina, olio e pomodoro. Nella prima edizione di questa manifestazione saranno premiati infatti tre panificatori veterani ai quali saranno consegnate le pale d’oro, riconoscimento della loro lunga e appassionata attività artigianale.
Sabato 4 ottobre, alle 21, si potrà assistere alla performance del duo Boccasile & Maretti e dei rappers Bari Jungle Brothers, mentre domenica 5 ottobre, sempre alle 21, si esibiranno l’attore Gianni Ciardo e il gruppo Terraross che proporrà tarantelle, pizziche e tammurriate.
Camera di Commercio e Comune hanno dato un contributo. Il resto lo metteranno i panificatori che devolveranno una parte del ricavato per la costruzione della chiesa a Catino.

Qui la nostra ricetta della focaccia barese.