Bruno Vespa presenta Cellino 900

Pubblicato il 14 Feb 2017 da Simona Giacobbi

Bruno Vespa presenta Cellino 900, la storia raccontata da Al Bano, Angelo Maci e Damiano Reale
Il secondo 900, il biennio rosso, le lotte agrarie e l’identità contadina nel libro di Pietro Caprioli
(giovedì 16 febbraio ore 16,30 – Sala Selvarossa Cellino san Marco)

Quanto conta la memoria di un popolo nella costruzione di una storia?
È l’interrogativo da cui parte l’idea di scrivere un libro e di farlo, poi, raccontare da chi quella storia l’ha vissuta, l’ha vista con i propri occhi, e oggi può raccontarla.
Il libro è Cellino 900, scritto da Pietro Caprioli, un professore con la passione per la storia del suo paese. I protagonisti sono alcuni dei figli più noti di questa piccola comunità di non più di 6mila anime: Al Bano Carrisi e Angelo Maci ai quali si affiancherà Damiano Reale.

In soli 37 chilometri quadrati, in un piccolo comune in cui non c’è neanche il cinema, ecco che la percentuale di notorietà è decisamente esponenziale rispetto all’offerta proposta negli ultimi cinquant’anni. C’è Al Bano, che è tra gli interpreti più autorevoli della musica italiana nel mondo c’è Angelo Maci, che ha fatto conoscere il vino del Salento in ogni angolo del pianeta e che con Al Bano è stato nominato ambasciatore del Negroamaro nel mondo dall’associazione Città del Vino; c’è Damiano Reale, la cui famiglia, con i suoi 600 ettari, da generazioni, è stata protagonista già dai primi del ‘900 della costruzione dell’identità vitivinicola di Cellino e dintorni. Insomma tre uomini con le proprie vicende personali che, accanto alla memoria recuperata attraverso il libro scritto da Pietro Caprioli, costituiscono un pezzo importantissimo della storia contadina di questa parte di Salento.

Per la serata, dopo il benvenuto a cura di Assunta De Cillis, direttore generale di Due Palme, un mattatore d’eccezione, il giornalista Bruno Vespa che, partendo dal libro del professor Caprioli, che commenterà con l’ausilio di Sergio Pede, medico cardiologo e profondo conoscitore di Cellino san Marco e del professor Franco Fanciullo, docente all’Università di Pisa e cellinese doc, potrà ricostruire le vicende a volte tumultuose di una Cellino che ha vissuto un biennio rosso, che è stata protagonista delle rivolte agrarie, che ha vissuto il sangue dei conflitti, ma che ha sempre mantenuto salda la sua identità contadina. Già, perché se nelle vicine Taranto e Brindisi cambiava il paradigma economico lasciando spazio all’industria pesante, Cellino rimaneva ancorata ai suoi valori contadini rafforzando la sua identità. Negli anni ’70 Al Bano Carrisi fonda l’omonima azienda vinicola; sempre in quel momento storico e a quasi due secoli di distanza dalla nascita della cantina Li Veli, voluta nell’800 dal grande statista Antonio De Viti De Marco, un gruppo di imprenditori illuminati, ovvero il gruppo Avignonesi per il 65%, la famiglia Guercia Sammarco per il 10% e Assunta De Cillis e Angelo Maci per il 25%, decide di costituire Masseria Li Veli spa riportando alla luce un pezzo di storia, ristrutturando quella storica masseria-cantina per produrre vini di altissima qualità.

Sempre in quegli inizi degli anni ’70 Angelo Maci, la terza generazione di una famiglia di vignaioli, ristruttura l’antica cantina del nonno per poi nel 1989 trasformare la sua ditta individuale, Vinicola San Marco di Angelo Maci, in Cantine due Palme, società cooperativa agricola, che oggi a distanza di 27 anni è la più importante cooperativa del centro Sud.
Movimenti politici e sociali che hanno condizionato il presente e che saranno il filo conduttore di una serata in cui saranno riannodati i fili della memoria.
L’appuntamento è per giovedì 16 febbraio alle 16,30 nella Sala Selvarossa di Cantine due Palme.

Giornalista professionista, laurea in lingue e letterature straniere e un master in Social Communication. Piacentina d’origine, pugliese d’adozione dal 2012, cresciuta a tortelli e gnocco fritto, impara a cucinare in Canada, a Toronto, dove ha vissuto sei anni e dove ha lavorato per il quotidiano italiano Corriere Canadese. Oltreoceano scopre una diversità culinaria etnica senza confini. Da allora la sua vita cambia. Cucina e ristoranti diventano luoghi interscambiabili di idee, progetti, tradizioni e passioni. Ama assaporare, provare, gustare. E fare foto. Conduce su Telenorba e TgNorba24 la trasmissione “I colori della nostra terra”, un programma che parla di ruralità, agroalimentare ed eccellenze enogastronomiche della Puglia. Inventrice della Pizza Pioggia servita, insieme alla Pizza Puglia Mon Amour, nel menu di una pizzeria di Cisternino, ha collaborato con I Love Italian Food e il Cucchiaio d’Argento ed è spesso chiamata a far parte di giurie di eventi a carattere enogastronomico e di concorsi legati al mondo della pizza. Recensisce pizzerie per guide cartacee e online. Nel 2011 crea Pasta Loves Me, un blog che parla di lei, di pasta, food e lifestyle. È fondatrice e responsabile di Puglia Mon Amour, un’avventura che vive con gli occhi curiosi di turista e l’entusiasmo di un’innamorata per una terra che regala ogni giorno emozioni, genuinità e solarità. Ha la pizza napoletana nel cuore e tutto quello che rende felice il suo palato. E vive con una certezza: la pizza non le spezzerà mai il cuore.

Like us on Facebook
on Facebook

Follow me on Twitter
Follow @simonagiacobbi on Twitter
Add me on Google+
on Google+