Scroll to Top

Redazione

This user hasn't shared any profile information

Formaggio fresco ottenuto da siero di latte vaccino, ovino, csprino o misto, dal sapore delicato. La Ricotta Forte o nella forma originale dialettale ricotta ‘skuant, scante, ascuante, ashcande o sciquante è un prodotto caseario morbido spalmabile. La zona di produzione è la Puglia centro-meridionale e la Basilicata. La ricotta forte a differenza della ricotta...

Il sapore è caratteristico e presenta molta variabilità in funzione della stagione di produzione e del periodo di stagionatura: più delicato fino a tre mesi, più marcato e con una compostezza di aromi e profumi nei tipi più stagionati. Pascoli: i pascoli del territorio sono situati tra i 500 e i 1000 metri sul livello del mare ciò che conferisce loro caratteristiche...

Il Pallone di Gravina è un formaggio semiduro a pasta cruda filata, prodotto con latte bovino intero crudo o pastorizzato. Originario dell’area di Gravina da cui prende il nome, attualmente è prodotto nella zona di Gravina in Puglia, di Matera e della Murgia. Nell’agosto del 2010 è diventato un Prodotto Tradizionale Regionale attraverso la revisione da parte...

Formaggio fresco a pasta fiulata ottenuto da latte vaccino, di forma sferica, a bocconcini, trecce o nodini e dal sapore lievemente acidulo. Questo latticino si può ricavare da latte misto ossia miscelato: in questo caso, i produttori sono tenuti a specificare le varie percentuali di latte bufalino e vaccino contenute adeguandosi alla legge che impone di apporre sull’etichetta...

Formaggio a pasta filata a forma di pera con un cuore di burro. Tipico prodotto caseario pugliese, lavorato manualmente da latte vaccino intero. Di colore bianco, con la maggiore maturazione assume un colore tendente al giallo paglierino, ha la particolarità di essere composto da due parti: quella esterna fatta dalla stessa pasta filata della scamorza, quella interna...

Il fallone di Gravina è un formaggio fresco e delicato, prodotto nella zona di Gravina, in provincia di Bari. Il fallone va consumato freschissimo, possibilmente nello stesso giorno in cui viene preparato. I casari pugliesi lo producono da sempre con latte crudo, mentre i caseifici impiegano latte pastorizzato. Al di là di questa differenza, è rimasta invariata la formulazione...