Torna “Orecchiette nelle ‘nchiosce” a Grottaglie

Pubblicato il 4 Ago 2014 da Simona Giacobbi

orecchiette-alla-crudaiolaTorna “Orecchiette nelle ‘nchiosce”, il percorso enogastronomico nel centro storico di Grottaglie in programma il 4 e 5 agosto. La quarta edizione è stata presentata a Bari in conferenza stampa dall’assessore regionale alle Risorse Agroalimentari, Fabrizio Nardoni, alla presenza, tra gli altri del presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola.
La manifestazione – hanno detto gli organizzatori – rappresenta un grande attrattore turistico, anche grazie a pacchetti soggiorno che abbinano la cultura del cibo alla scoperta delle tante bellezze storico-monumentali di Grottaglie.
L’evento è promosso e organizzato da Indde e dall’associazione “Le idee non mancano”, in collaborazione con l’Unione Europea, la Regione Puglia, il Gal Colline Joniche, il Comune di Grottaglie, Vinoway e il partner ufficiale MagrĂŹ Arreda, “Orecchiette nelle ‘nchiosce” declina in modo originale e moderno il piatto principe delle tradizione pugliese per abbinarlo ai vini delle migliori cantine regionali, per l’occasione serviti dai sommelier dell’Ais guidati dal responsabile per la Puglia, Giuseppe Cupertino.

Tra gli stand si potranno assaporare orecchiette fresche fornite dal pastificio Divella preparate dai dodici chef presenti quest’anno. Orecchiette al pomodorino candito, fagiolini, ricotta dura affumicata e scorzetta di limone di Maria Cicorella (PashĂ  di Conversano), oppure con vongole, gamberi, menta e limone di Alessandro Caliolo (Il Vulcano di San Vito dei Normanni). O, ancora, con le orecchiette con “prugghiazza” (porcellana), olio extravergine di oliva, aglio, acciughe, alloro, peperoncino e pane fritto di Arcangelo Mita (Casa Mita di Pulsano), al mirto e tartufo del Salento di Giuseppe Lolli (BakĂŠ di Torre dell’Orso), al pesto pugliese e cacioricotta di Alessandro Guardino (Il Manzoni di Francavilla Fontana), alla crema di pomodoro al forno, melanzane e formaggio dei poveri di Mario Musci (Gallo Restaurant di Trani), con pomodorini, fiori di zucchina, basilico e caciocavallo della Murgia dei trulli di Martino Convertino (Casa Nova di Alberobello) e con capocollo di maiale nostrano, filetto di pomodoro con rucola e pecorino Don Carlo di Sabrina De Felice (Ristorante le Ceramiche di Grottaglie). Si potranno gustare anche le orecchiette con cozze nere di fondo, filetti di seppia, gialletto brindisino, cacio e rucola di Vito Morleo (Terrazza Buena Vista di Brindisi), mantecate con burratina affumicata di Gioia del Colle, friggitello salato e caramelle di pomodoro di San Marzano di Giacinto Fanelli (Biancofiore di Bari), con pomodorini su vellutata di fave e pane croccante di Antonio Turrisi (Il Pizzicagnolo di Grottaglie) e con peperoni arrostiti, capperi, olive nere e pane fritto di Salvatore Amato (La Cuccagna di Crispiano).

Prevista anche una postazione per somministrare le orecchiette senza glutine e i menu per bambini.

Testimonial di questa edizione saranno Biagio Izzo (il 4 agosto) e Michele Placido (il 5) ma il programma prevede diversi spettacoli.

Ci sarĂ  la possibilitĂ  di assaporare il pane Dop di Altamura, salumi della Valle d’Itria, olio, latticini preparati al momento e altri prodotti tipici regionali, anche questi da accompagnare con i vini delle dieci aziende regionali coinvolte nell’iniziativa (Cantine Due Palme, Rivera, Cantele, Albea, Cantine di San Marzano, Antica Enotria, Conti Zecca, Leone de Castris, Pruvas). Per l’occasione saranno distribuiti kit con piatti di ceramica realizzati dai ceramisti di Grottaglie.

Tutte le info su www.orecchiettenellenchiosce.it

Giornalista professionista, laurea in lingue e letterature straniere e un master in Social Communication. Piacentina d’origine, pugliese d’adozione dal 2012, cresciuta a tortelli e gnocco fritto, impara a cucinare in Canada, a Toronto, dove ha vissuto sei anni e dove ha lavorato per il quotidiano italiano Corriere Canadese. Oltreoceano scopre una diversità culinaria etnica senza confini. Da allora la sua vita cambia. Cucina e ristoranti diventano luoghi interscambiabili di idee, progetti, tradizioni e passioni. Ama assaporare, provare, gustare. E fare foto. Conduce su Telenorba e TgNorba24 la trasmissione “I colori della nostra terra”, un programma che parla di ruralità, agroalimentare ed eccellenze enogastronomiche della Puglia. Inventrice della Pizza Pioggia servita, insieme alla Pizza Puglia Mon Amour, nel menu di una pizzeria di Cisternino, ha collaborato con I Love Italian Food e il Cucchiaio d’Argento ed è spesso chiamata a far parte di giurie di eventi a carattere enogastronomico e di concorsi legati al mondo della pizza. Recensisce pizzerie per guide cartacee e online. Nel 2011 crea Pasta Loves Me, un blog che parla di lei, di pasta, food e lifestyle. È fondatrice e responsabile di Puglia Mon Amour, un’avventura che vive con gli occhi curiosi di turista e l’entusiasmo di un’innamorata per una terra che regala ogni giorno emozioni, genuinità e solarità. Ha la pizza napoletana nel cuore e tutto quello che rende felice il suo palato. E vive con una certezza: la pizza non le spezzerà mai il cuore.

Like us on Facebook
on Facebook

Follow me on Twitter
Follow @simonagiacobbi on Twitter
Add me on Google+
on Google+